Conferenza dei Sindaci dell'A.ULSS 20 di Verona

Filone: 1.1 Azioni di formazione

 

Importo assegnato da DGR 2424/2013: € 10.562,84

Importo totale budget: € 12.875,41

Importo finanziamento richiesto: € 10.562,84

Importo compartecipazione: € 2.312,57

Importo rendicontato: € 12.895,41

Importo finanziamento riconosciuto: € 10.562,84

 

Area prioritaria: 1. Percorsi formativi - informativi provinciali che favoriscano la conoscenza della cultura e della lingua veneta per gli stranieri che si occupano di cura alla persona

 

Azione: 1.a Il lavoro di cura alla persona nella realtà veronese: conoscere per capirsi

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC Borgo Roma Ovest Rete Tante Tinte, l'Ufficio Scolastico XII di Verona (CTP e I.C. afferenti)

 

Attività: Nella prospettiva di favorire la conoscenza della cultura (tradizioni e abitudini di vita) e della lingua veneta per gli adulti stranieri operanti nell'ambito delle relazioni di cura alla persona, di favorire la maturazione di competenze degli stessi, di orientare correttamente rispetto al funzionamento dei servizi sociali e sociosanitari e nell'ottica di promuovere una rete di enti diversi sulla tematica dell'assistenza alla persona, si prevedono corsi di formazione della durata di 30 ore sui seguenti argomenti: linguaggio tecnico relativo agli aspetti professionali; regole relative alla normativa per l'immigrato, alla legislazione del lavoro e fiscale e di educazione civica; orientamento territoriale e elementi di educazione civica e di cultura veneta; formazione su modalità di funzionamento e organizzazione dei servizi di carattere educativo, psicologico, socio-sanitario. Nella realizzazione dei corsi verranno coinvolti docenti esperti in italiano L2.

 

 

Area prioritaria: 3. Formazione e aggiornamento degli operatori di servizi, operatori aziendali, operatori di sportello e on-line, insegnanti e operatori della scuola

 

Azione: 3.a Corsi di formazione e aggiornamento degli operatori di servizi, operatori aziendali, operatori di sportello e on-line, insegnanti e operatori della scuola

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC Borgo Roma Ovest Rete Tante Tinte, l'Ufficio Scolastico XII di Verona (CTP e I.C. afferenti)

 

Attività: Le attività sono finalizzate a formare e aggiornare operatori dei servizi sociosanitari, insegnanti e operatori della scuola sulle tematiche della migrazione e dell'intercultura e a fornire strumenti e diffondere buone pratiche interculturali per le attività dei differenti contesti professionali. Si prevedono pertanto percorsi di formazione e consulenza della durata di 8 ore che forniscano conoscenze e competenze adeguate alla gestione della comunicazione e dell'informazione al cittadino immigrato per garantire un efficace inserimento nella comunità e nei diversi contesti. Particolare attenzione verrà data al fornire consulenza per la gestione dei servizi/interventi per immigrati e della mediazione linguistico-culturale.

 

 

Area prioritaria: 4. Aggiornamento dei mediatori linguistico-culturali

 

Azione: 4.a Incontri di confronto sulle pratiche dell'integrazione e sulla mediazione linguistico-culturale

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC Borgo Roma Ovest Rete Tante Tinte, l'Ufficio Scolastico XII di Verona

 

Attività: Al fine di aumentare le competenze dei mediatori linguistico-culturali e di individuare e diffondere buone pratiche di mediazione condivise tra mediatori, operatori e insegnanti, si prevede di realizzare 1 corso di 8 ore. Il percorso di formazione sarà rivolto a mediatori e operatori dei servizi sociosanitari e della scuola, e verrà realizzato anche in collaborazione con i soggetti del privato sociale che si occupano di mediazione linguistico culturale.

 

 

Area prioritaria: 5.Coordinamento con gli uffici dello Stato, Sportelli Unici Immigrazione e strutture territorialmente competenti, in relazione alla valorizzazione dei mediatori linguistico-culturali presso gli stessi.

 

Azione: 5.a Tavolo di concertazione tra ULSS, Comune di Verona e UST, implementazione del sito, valorizzazione dei MLC presso le istituzioni scolastiche

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC Borgo Roma Ovest Rete Tante Tinte, l'Ufficio Scolastico XII di Verona

 

Attività: Al fine di favorire il confronto tra gli operatori in merito alla mediazione linguistico-culturale e agli obiettivi istituzionali relativi al fenomeno dell'immigrazione, di migliorare la capacità di condividere le differenti esperienze, i significati, i contenuti dell'agire professionale all'interno dei servizi scolastici, sociali e sanitari e di promuovere un coordinamento per le attività di mediazione e i progetti di integrazione a livello provinciale, si prevedono 3 incontri del tavolo provinciale (le tre Aziende ULSS, la scuola IC11 e Tante Tinte, il Comune di Verona). Gli incontri si terranno durante il periodo di realizzazione del piano territoriale per monitorarne l'andamento e il perseguimento degli obiettivi. Verrà anche aggiornato il sito internet Tante Tinte.

 

 

Azione: 5.b Valorizzazione dei MLC presso le istituzioni scolastiche

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC Borgo Roma Ovest Rete Tante Tinte, l'Ufficio Scolastico XII di Verona

 

Attività: Il mediatore linguistico culturale è a disposizione delle scuole e delle famiglie degli alunni stranieri per curare la comunicazione tra scuola e famiglia, per fornire consulenza agli insegnanti relativamente all'accoglienza degli alunni stranieri, per supportare le famiglie straniere nell'inserimento scolastico e nel territorio dei loro figli. Inoltre, durante le ore di sportello, potrà: tradurre in lingua la modulistica necessaria, promuovere la presenza dei mediatori in alcuni momenti particolari, fare una mappatura delle risorse territoriali per ragazzi e famiglie, sistematizzare e diffondere alcuni strumenti per l'inserimento degli alunni stranieri (ad es.tracce per il colloquio scuola-famiglia), promuovere l'utilizzo di materiali per l'insegnamento dell'italiano L2 in collegamento con "Tante Tinte", essere a disposizione delle famiglie straniere che vogliono comunicare con la scuola o che esprimono particolari bisogni formativi, essere a disposizione degli insegnanti che esprimono particolari bisogni formativi.

 

 

 

Filone: 1.2 Azioni di integrazione sociale e scolastica

 

Importo assegnato da DGR 2424/2013: € 34.032,50

Importo totale budget: € 33.440,63

Importo finanziamento richiesto: € 26.832,50

Importo compartecipazione: € 6.608,13

Importo rendicontato: € 34.999,89

Importo finanziamento riconosciuto: € 22.832,50

 

Area prioritaria: 1. Inserimento scolastico, insegnamento della lingua italiana e promozione di interventi educativi rivolti ai minori, anche finalizzati al contrasto del fenomeno della dispersione scolastica.

 

Azione: 1.a Corsi di alfabetizzazione e potenziamento dell'attività dei docenti consulenti di sportello presso le scuole secondarie

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC 11 Verona Borgo Roma - Rete Tante Tinte, Azalea Coop.Soc.Onlus, Associazione Stella

 

Attività: le attività intendono proseguire il supporto fornito in questi anni a scuole e famiglie finalizzato all'inserimento scolastico degli alunni stranieri attraverso percorsi di italiano L2 e di lingua delle discipline, che verranno realizzati in stretta collaborazione con i docenti attraverso scambi costanti sull'andamento dei partecipanti. Inoltre, con lo sportello degli istituti superiori, si attiveranno azioni di supporto per: organizzare percorsi di collaborazione con i C.P.A. per sostenere l'alfabetizzazione degli alunni stranieri; organizzare iniziative interculturali per la promozione del benessere sociale e scolastico degli adolescenti; progettare e gestire percorsi di formazione e laboratori per gli insegnanti impegnati nel delicato intervento di inserimento degli adolescenti; organizzare incontri di sportello con i docenti funzione strumentale per l'intercultura; organizzare incontri presso i collegi docenti e le commissioni.

 

 

Area prioritaria: 2. Valorizzazione dei mediatori linguistico-culturali

 

Azione: 2.a Servizio di mediazione linguistico-culturale in ambito sociale e scolastico

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – maggio 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC 11 Verona Borgo Roma - Rete Tante Tinte, Azalea Coop. Soc. Onlus, Associazione Stella

 

Attività: Le attività prevedono interventi di mediazioni linguistico-culturale in ambito sociale e scolastico volti a sostenere insegnanti, operatori dei servizi sociali, sanitari e più in generale di sportello nell'inserimento dei minori stranieri e delle famiglie nelle comunità e nei servizi socio-educativi. Si procederà a rafforzare sempre di più la continuità degli interventi tra l'ambito sociale e quello scolastico. Gli interventi di mediazione potranno riguardare situazioni individuali o gruppi classe e saranno inoltre rivolti alla condivisione con le famiglie migranti delle regole del contesto, delle modalità educative e dei percorsi formativi offerti da scuole e territorio, del funzionamento dei servizi e supporteranno inserimenti sociali e scolastici particolarmente problematici. In ambito scolastico gli interventi riguarderanno in particolare l'orientamento nelle fasi di passaggio tra i diversi ordini e il supporto a situazioni di disagio vissute dai ragazzi di seconda generazione nella fase della pre-adolescenza. In ambito sociale gli interventi saranno volti a favorire la comprensione tra Servizi e famiglie straniere. Gli interventi saranno supportati da attività di supervisione e formazione.

 

 

Area prioritaria: 3. Informazione: sportelli e strumenti informativi

 

Azione: 3.a Sportello Orientadonna: percorso di orientamento di gruppo

 

Inizio e fine attività: dicembre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20 in partenariato con il Comune di Verona – Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, l'IC 11 Verona Borgo Roma - Rete Tante Tinte, Azalea Coop. Soc. Onlus, Associazione Stella

 

Attività: Il progetto verrà realizzato presso lo sportello Orientadonna, attivo presso il centro interculturale delle donne del Comune di Verona "Casa di Ramia" dal settembre 2008 in convenzione con il Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità, che è diventato punto di riferimento per le donne immigrate per le questioni legate all'orientamento e alla ricerca di lavoro. Obiettivo delle attività è sostenere le donne straniere nell'orientamento al lavoro. Il progetto si sviluppa attraverso 8 incontri di 3 ore ciascuno, durante i quali si affronteranno i seguenti aspetti: il mercato del lavoro a Verona, gli enti di riferimento per la ricerca del lavoro, le tecniche di ricerca attiva del lavoro (stesura CV e lettera di accompagnamento, ricerca delle opportunità e candidatura, colloqui), immigrazione: diritti, doveri, documenti di soggiorno, diritti e doveri dei lavoratori, approfondimento della lingua italiana legata alla ricerca del lavoro. Al termine del percorso sono previsti dei colloqui individuali di orientamento e accompagnamento al lavoro. Il monitoraggio sarà continuativo durante tutto il percorso.

 

 

 

Filone: 2.1 Interventi a favore delle donne

 

Importo assegnato da DGR 2424/2013 residuo del Filone 1.2: € 7.200,00

Importo totale budget: € 9.000,00

Importo finanziamento richiesto: € 7.200,00

Importo compartecipazione: € 1.800,00

Importo rendicontato: € 9.000,00

Importo finanziamento riconosciuto: € 7.200,00

 

Area prioritaria: 1. Inserimento delle donne straniere, con particolare attenzione alle donne sole con prole

 

Azione: 1.a Laboratori di artigianato settimanali. Supporto a essere impresa per le donne migranti che hanno maturato questa scelta. Laboratori manuali proposti alle scuole primarie e secondarie e gestiti dalle donne che hanno fatto la formazione

 

Inizio e fine attività: ottobre 2014 – maggio 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n. 20 in partenariato con il Comune di Verona - Servizio Cultura delle Differenze Pari Opportunità e l'Associazione Le Fate Onlus

 

Attività: Il progetto prevede: la realizzazione di laboratori rivolti a donne immigrate e italiane, volti al recupero, alla valorizzazione e alla promozione di tecniche di artigianato antiche e nuove. Saranno le donne che hanno partecipato lo scorso anno a tenere i corsi; il supporto alle donne che hanno maturato la scelta di essere impresa attraverso 10 incontri per affrontare in gruppo punti di forza e problematicità delle esperienze in corso; la realizzazione di laboratori manuali nelle scuole che hanno lo scopo di rivalutare le capacità manuali, valorizzando i saperi tradizionali e integrando l'insegnamento scolastico. Questi ultimi laboratori, nello specifico, saranno tenuti dalle stesse donne che si sono formate nei percorsi previsti dal progetto e prevedono la formazione delle insegnanti affinché possano a loro volta coinvolgersi in una ricerca attiva sui saperi tradizionali. Prevedono inoltre laboratori teatrali nelle scuole dell'obbligo, di supporto ai laboratori manuali proposti dalle donne ed eventi aperti al territorio che coinvolgano studenti e famiglie per presentare i lavori manuali.

 

 

Azione: 1.b Miglioramento dell'accessibilità e della fruibilità dei servizi sanitari e socio-sanitari a tutela della salute delle donne e delle madri dell'ULSS 20

 

Inizio e fine attività: ottibre 2014 – maggio 2015

 

Soggetti coinvolti: A.ULSS. n.20  (Consultorio Familiare e Ufficio Mediazione culturale)

 

Attività: Le attività sono finalizzate a informare, orientare e indirizzare le donne straniere che accedono allo "Spazio donna straniera" all'uso dei servizi sanitari e socio-sanitari presenti all'interno del territorio dell'Ulss 20 per la promozione e la tutela del diritto di salute; sono inoltre finalizzate alla presa in carico, nelle sedi dei consultori familiari, delle donne immigrate in età fertile per tutti gli aspetti legati alla salute sessuale e riproduttiva, con l'utilizzo della mediazione linguistico-culturale quando necessaria. Si prevede la predisposizione di materiale plurilingue relativo alle modalità di accesso ai servizi a favore delle donne, delle madri, della famiglia e dei bambini.