Disoccupazione

dati aggiornati al 1° trim. 2017

 

Tutte le informazioni sono facilmente consultabili ed esportabili in file di formato Excel e qui è possibile visionare un breve video tutorial. Nel rispetto della normativa sulla privacy i dati all'interno delle celle sono approssimati al valore di 5.
Se si vogliono analizzare tutti i flussi regionali non limitandosi alla popolazione straniera è possibile consultare il sito di Veneto Lavoro.
 

I disoccupati secondo i dati amministrativi

La quantificazione dei disoccupati in Italia o in Veneto viene trimestralmente ricavata dall'indagine Istat sulle forze di lavoro.
Sul medesimo fenomeno disponiamo anche di un'altra fonte informativa, di origine amministrativa, basata sulle "dichiarazioni di disponibilità" (did) al lavoro e alle politiche attive, dichiarazioni rilasciate dai singoli soggetti interessati ai Centri per l'impiego. Quanti rilasciano la did risultano classificati in due gruppi:
a. disoccupati (a seguito di una perdita più o meno recente del posto di lavoro);
b. inoccupati (persone alla ricerca di primo impiego).
Le informazioni disponibili permettono di esaminare due diverse dimensioni, entrambe importanti, per valutare le dinamiche dell'offerta di lavoro: i flussi (entro determinati periodi) e gli stock (a determinate date).

 

I flussi di disponibilità: sono gli eventi di ingresso nello stato di disoccupazione attivati da coloro che, in una determinata unità di tempo (giorno, mese, anno, ecc.), rilasciano una did e da coloro che, già disponibili, rientrano automaticamente nello stato di disoccupazione - quindi senza dover rilasciare una nuova dichiarazione di disponibilità - dopo aver concluso un rapporto a termine di breve durata (secondo la normativa attuale inferiore a 6 mesi).
Quanto più breve è il periodo indagato tanto più il numero di ingressi coincide con il numero degli entrati (teste). Per periodi lunghi la misura riferita agli eventi tende ad essere superiore a quella dei soggetti implicati: ad es. nel corso di un anno il medesimo soggetto può rientrare più volte nella condizione di disoccupazione a seguito di diversi rientri (automatici) dopo la conclusione di brevi rapporti di lavoro a termine.

Flussi di disponibilità

 

Stock di disponibili: è l'insieme di coloro che ad una data puntuale risultano in condizione di disoccupazione amministrativamente documentata (disponibilità). La presenza nell'elenco può non essere sinonimo di reale disponibilità al lavoro: ad esempio alcuni soggetti potrebbero aver cambiato "status" (ad es. da disoccupati a inattivi o a lavoratori autonomi) oppure domicilio (ciò interessa particolarmente la componente degli stranieri) senza averne informato i Centri per l'impiego. Non è prevista infatti alcuna sanzione per la permanenza in lista in tali casi. Pertanto lo stock di disponibili è sovradimensionato a causa di una carente quantificazione dei flussi di uscita. Per una valutazione corretta del fenomeno in esame occorre dunque considerare con cautela l'informazione desumibile dall'anzianità di disoccupazione.

Stock di disponibili