Amministrazione provinciale di Rovigo

Filone: 1.1 Azioni di formazione

 

Importo assegnato da DGR 2424/2013: € 7.314,00

Importo totale budget: € 10.404,00

Importo finanziamento richiesto: € 5.485,50

Importo compartecipazione: € 4.918,50

Importo rendicontato: € 11.135,28                                    

Importo finanziamento riconosciuto: € 7.314,00          

 

Area prioritaria: 1. Percorsi formativi – informativi provinciali che favoriscano la conoscenza della cultura e della lingua veneta per gli stranieri che si occupano di cura della persona

 

Azione: 1.a Polesine che accoglie

                                                                                  

Inizio e fine attività: settembre 2014 – novembre 2015

 

Soggetti coinvolti: ARCI Nuova Associazione di Rovigo, Circolo Arci G. Cavazzini di Rovigo, Circolo Arci Younited, Associazione Arcisolidarietà di Rovigo, A.N.P.I. di Rovigo, Croce Rossa Italiana sezione di Rovigo.

 

Attività: Le attività previste vogliono accrescere le competenze professionali dei cittadini stranieri che si occupano di servizi di cura alla persona. al fine di garantire un miglioramento della qualità delle prestazioni offerte. Tramite incontri formativi organizzati in giornate seminariali l'utenza straniera potrà approfondire diverse tematiche tra le quali: la lingua italiana, la cultura locale veneta, lo sviluppo storico del paesaggio polesano e i diritti garantiti dalla legge fondamentale dello Stato. Attraverso la visione di filmati, lettura libri ed incontri seminariali i cittadini immigrati impegnati nei servizi di cura alla persona potranno potenziare così le loro conoscenze per migliorare la comunicazione con la popolazione locale.

 

 

Area prioritaria: 2. Formazione e informazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro alle maestranze extranazionali nei diversi settori produttivi, che includa una migliore comprensione della lingua e cultura veneta. dando priorità alle iniziative cofinanziate dagli enti bilaterali.

 

Azione: 2.a Corso di lingua e cultura veneta con nozioni di sicurezza per cittadini stranieri immigrati

 

                                                                                  

Inizio e fine attività: marzo 2015 – aprile 2015

 

Soggetti coinvolti: Cooperativa Majulero di Rovigo, Provincia di Rovigo

 

Attività: Il progetto vuole fornire una conoscenza adeguata al cittadino straniero della lingua e cultura veneta, nonché in materia di salute e sicurezza nel luogo di lavoro. La metodologia adottata prevede dei corsi in cui si alterneranno lezioni teoriche su argomenti di fonetica, morfologia e lessico italiano. e pratiche per consolidare le conoscenze acquisite. E' infine prevista una valutazione dei corsisti mediante test d'ingresso e finale per valutare le competenze linguistico-comunicative già in possesso dei candidati. e verifica dei risultati raggiunti.

 

 

 

Filone: 2.1 Interventi a favore delle donne

 

Importo assegnato da DGR 2424/2013 residuo del Filone 1.1: €  1.828,50

Importo totale budget: € 5.200,00

Importo finanziamento richiesto: € 1.828,50

Importo compartecipazione: € 3.371,50

Importo rendicontato: € 0,00

Importo finanziamento riconosciuto: € 0,00

 

Area prioritaria: 3. Azioni volte a favorire l'incontro tra domanda e offerta in condizioni di legalità e trasparenza nell'ambito delle professioni di cura e assistenza domiciliare alle persone non autosufficienti

 

Azione: 3.a Vivere in Italia 2014-15

 

Inizio e fine attività: settembre 2014 – giugno 2015

 

Soggetti coinvolti: Provincia di Rovigo, Azienda Ulss n. 18 di Rovigo, Comune di Rovigo

 

Attività: Sono previsti corsi formativi rivolti a donne straniere impiegate nei servizi di cura della persona e di assistenza domiciliare. Mediante giornate articolate in lezioni frontali e attività pratiche, verranno approfondite le tematiche inerenti la lingua e la cultura veneta, le condizioni igienico-sanitarie, i servizi assistenziali e di cura della persona, nonché moduli di orientamento lavorativo. Le attività di insegnamento. e la valutazione delle competenze linguistiche dell'utenza straniera verranno implementate tramite l'azione degli operatori Caritas in collaborazione con le insegnanti.