News

null Sospensione dei termini e la proroga di validità dei documenti - Decreto Cura Italia (DL 18/2020),

Il Decreto "Cura Italia" (DL 18/2020), adottato a seguito dell’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del virus COVID19, dispone la sospensione dei termini e la proroga di validità dei documenti che riguardano anche alcuni procedimenti amministrativi concernenti i cittadini stranieri in Italia.


Nello specifico, come chiarito anche da una circolare diramata il 24 marzo dal Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno:

  • per i termini dei procedimenti pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020;

  • tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.


Specifiche:

  • Tutti i permessi di soggiorno in scadenza nel periodo tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, vengono prorogati di validità fino al 15 giugno 2020, dando la possibilità ai titolari di poter effettuare la domanda di rinnovo dopo tale data.

  • I nulla osta al lavoro e al ricongiungimento familiare, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020,  manterranno la propria validità fino al 15 giugno 2020, ai fini della richiesta del relativo visto di ingresso.

 

Sono sospesi inoltre fino al 15 aprile 2020 i procedimenti relativi: 

  • ai termini dei procedimenti in materia di cittadinanza per matrimonio e per residenza;
  • (La validità delle certificazioni presentate da chi chiede la cittadinanza per matrimonio per residenza, comprese quelle rilasciate dal Paese di origine, in scadenza tra il 31 gennaio ed il 15 aprile 2020, è prorogata fino al 15 giugno 2020)
  • all'elezione di cittadinanza da parte dello straniero nato in Italia al diciottesimo anno di età o il giuramento dei neocittadini;
  • alle convocazioni dei richiedenti in Prefettura;
  • al nulla osta al lavoro stagionale;
  • al nulla osta al lavoro per casi particolari di cui agli artt. 27 e ss. del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (ricerca, blue card, trasferimenti infrasocietari);
  • alla conversione dei permessi di soggiorno da studio a lavoro subordinato e da lavoro stagionale a lavoro subordinato non stagionale;
  • al nulla osta al ricongiungimento familiare;
  • all’accordo di integrazione (sessioni di formazione civica, verifica dell'adempimento, riconoscimento crediti…);
  • ai test d'italiano per il permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo;
  • alla presentazione di documentazione integrativa.