Normativa Regionale

L'articolo 117 della Costituzione indica l'immigrazione, il diritto d'asilo e la condizione giuridica degli extracomunitari tra le materie di competenza legislativa esclusiva dello Stato. Le Regioni possono comunque porre norme specifiche con riguardo agli immigrati o a particolari categorie di essi nelle diverse materie di propria competenza ed inoltre esercitano le funzioni amministrative (e la connessa potestà regolamentare) nei limiti previsti dalla legge statale e regionale. Peraltro in base all'art. 118 Cost. forme di collaborazione (amministrativa) tra Stato e Regioni in materia di immigrazione e sicurezza possono essere previste dalla legge dello Stato.

In stretta collaborazione con gli Assessorati regionali competenti nei vari aspetti di tale tema di carattere "trasversale", e con le Istituzioni statali e territoriali competenti e con il Terzo Settore, la Regione intende supportare politiche di inclusione in favore dei nuovi residenti regolari (immigrati) e incrementare le reti sociali, pure con i migranti veneti stabilitisi in altre parti del mondo, anche per eventualmente agevolare il loro rientro nel territorio di origine. Nel contempo, al fine di garantire la sicurezza del cittadino, si intendono inoltre promuovere interventi per prevenire e contrastare i fenomeni di illegalità legati all'immigrazione irregolare, allo sfruttamento degli esseri umani e alla diffusione del fenomeno della tratta, sfruttando l'esperienza consolidata che la medesima Regione ha ha sui temi della sicurezza urbana e sul coordinamento dei corpi di Polizia locale